The Thassarin's Curse

Un passaggio nei ghiacci

Verso la Torre Bianca

Dopo essere stati salvati dai nani della Rocca del Toro, gli avventurieri fanno la conoscenza di Taren V, reggente della cittadella e anziana guida dei nani della rocca. Questi mette i personaggi a corrente di un terribile segreto: molti anni addietro, un enorme drago bianco chiamato JarnVallha, che terrorizzava tutta la regione fino alle pendici della montagna venne rinchiuso in quella che attualmente è la sua prigione, ovvero la Torre Bianca, tomba degli eroi morti nell’impresa di sconfiggere il mostro. La presenza del drago, seppur imprigionato è più che sufficiente a tenere perennemente congelato il vicino lago, da cui nella stagione estiva proviene l’acqua del fiume Laar, utilizzata nelle miniere di Taren. La chiave della rocca è un bracciale di giada che gli antenati di Taren V si sono tramandati nei secoli, e il nano teme che i goblin, guidati da un misterioso stregone di cui non si conosce l’identità voglia impossessarsene per liberare il drago. In realtà l’anziano reggente teme anche che, non riuscendo a procurarsi la chiave, l’esercito goblinoide possa trovare comunque un’altra soluzione al problema, liberando lo spietato drago nella regione. Alcuni ingegneri nani, in virtù del sangue draconico che scorre nelle vene di Rhaegar, propongono un piano tanto ardimentoso quanto rischioso: infiltrarsi nella Torre, far entrare il dragonborn nella prigione e, grazie alla chiave di giada, tirarlo subito fuori, non prima di aver lasciato uno speciale dono esplosivo al drago. Ulfgar IV e gli altri si propongono per completare la missione. Nel frattempo grazie ad un rituale magico appropriato, nuovi dettagli sulla natura dei draghi degli eladrin emergono dal libretto lasciato da lady Alustriel, oltre che sul dominio della terra e sulle sue reali potenzialità. I quattro avventurieri non mettono i nani al corrente del potere che scorre nele vene dei due umani, ma apprendono comunque dei significativi dettagli sulla vera natura del loro antico retaggio.

Dopo aver preso delle nuove armi dalla fucina dei nani ed aver attraversato parte della catena montuosa per raggiungere il lago ghiacciato e la Torre Bianca, durante la notte in cui gli eroi completano il cammino vengono attaccati da alcuni vermi immondi fuoriusciti da delle cavità nel ghiaccio del lago. Proprio quando ormai queste bestie sembravano sconfitte, lo siogliersi dei numerosi cunicoli aperti dalle creature per attaccare provoca il crollo di una grossa sezione facendo sprofondare tutti nel buio dei ghiacchi del lago.

Comments

Ma il libro quando è spuntato fuori? Non erano meglio gli gnomi ingegneri? KABOOOOOOM

Un passaggio nei ghiacci
pigliapost

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.